G.D.C. STEWARD - Guardie di Città Steward - Servizi Sicurezza Stadi di Calcio -

L'organizzazione GDC STEWARD fa parte dell'Istituto di Vigilanza Privata Corpo Guardie di Città e si occupa di gestire i servizi di STEWARDING in occasione di manifestazioni sportive, prevalentemente negli stadi di calcio.

Oltre a svolgere i servizi di sicurezza, all'esterno ed all'interno degli impianti sportivi, GDC STEWARD si occupa anche della formazione del personale coadiuvando le associazioni di categoria Confcommercio Pisa ( dal 2014 al 2017 ) e Confesercenti Toscana Nord ( dal 2017 ) nell'organizzazione dei corsi di formazione per l'abilitazione alla figura professionale di steward.

STIAMO ORGANIZZANDO IL SESTO CORSO PER MASSIMO 50 PARTECIPANTI PER CONSEGUIRE L'ATTESTATO DI STEWARD ED ESSERE ABILITATO A LAVORARE IN OCCASIONE DI MANIFESTAZIONI SPORTIVE ( esempio : stadi di calcio ) ED IN MANIFESTAZIONI DI PIAZZA ( eventi culturali, rievocazioni storiche, concerti, ricorrenze religiose, festa dei patroni, etc...)

!  Affrettatevi i posti sono limitati   ! 

Requisiti personali per i candidati che potranno essere ammessi al corso :

-Requisiti fisici: età compresa tra  i  18  e  i  55  anni, buona salute fisica e mentale, assenza di daltonismo; assenza di uso di alcol e stupefacenti; capacità di espressione visiva, di udito e di olfatto; assenza di elementi psicopatologici, anche pregressi; prestanza fisica adeguata alle mansioni da svolgere.

I  predetti  requisiti  devono  essere  attestati  da  certificazione medica delle autorità sanitarie pubbliche.

-Requisiti culturali minimi: diploma di scuola media inferiore  e  conoscenza  di  almeno  una lingua straniera

-Requisiti soggettivi:  sussistenza dei requisiti di cui all’articolo 11 del Testo unico di  pubblica  sicurezza  approvato  con  regio  decreto  18  giugno 1931, n. 773, e relativo regolamento di attuazione;  non   risultino   sottoposti,   o   essere   stati   sottoposti,   a   provvedimento  del  divieto  di  accesso  ai  luoghi  ove  si  svolgono  competizioni  sportive  di  cui  all’articolo  6  della legge 23 dicembre 1996, n. 401,  e successive modifiche; non  risultino  sottoposti  a  misure  di  prevenzione  di  cui all’articolo  7  ter  della  legge  13  dicembre  1989,  n.  401  e  successive modifiche; non  risultino,  negli  ultimi  5 anni,  denunciati  o  condannati,  anche  con  sentenza  non  definitiva  per  reati  per  i  quali  è prevista l’applicazione del divieto di cui alla lettera b);

-Requisiti psicoattitudinali:  capacità  di  concentrazione,  di  autocontrollo  e  di  contatto con   il   pubblico   da   accertarsi   mediante   test   prima   dell’assunzione; attitudine ad esercitare i compiti previsti e in particolare a individuare  possibili  pericoli per  la  sicurezza  anche  nel comportamento     delle     persone     presenti     nell’area    dell’impianto sportivo.

Gli aspiranti Steward dovranno inviare per mail info@corpoguardiedicitta.it e/o consegnare alla sede del Corpo Guardie di Città un Curriculum Vitae aggiornato con la copia di un documento di identità in corso di validità.

Gli interessati a partecipare al SESTO Corso Steward per formalizzare l'iscrizione devono necessariamente superare le selezioni, effettuare un test di lingua inglese, consegnare la certificazione medica rilasciata dalle autorità sanitarie pubbliche locali e pagare anticipatamente il costo del corso pari ad € 200.00 (IVA inclusa).

N.B. se il candidato sarà ammesso al Corso Steward ma per motivi personali non potrà partecipare oppure non supererà l'esame finale e non sarà abilitato alla qualifica professionale di Steward non potrà richiedere il rimborso del costo sostenuto per iscriversi al Corso.

Il corso si svolgerà nei mesi OTTOBRE / NOVEMBRE 2017

Il corso si terrà presso la sede dell'Agenzia Formativa CESCOT CONFESERCENTI TOSCANA NORD - Pisa -

 

CESCOT, l’agenzia formativa della Confesercenti, nel 2008 fu tra le prime in Italia e prima assoluta in Toscana ad organizzare il corso di formazione per gli steward dell’ ACF Fiorentina e del Pisa Calcio perché risultò essere tra le poche società accreditate dal Ministero dell’Interno per svolgere questo tipo di formazione.

 

Grazie alla sinergia tra Confesercenti Toscana Nord e l’Istituto di Vigilanza Privata Corpo Guardie di Città, il CESCOT , ottenuta l’autorizzazione dal Ministero dell’Interno “Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni sportive”, da questo mese organizza anche a Pisa i corsi di formazione per personale da destinare alle attività di stewardinig e cioè gli addetti alla sicurezza degli stadi di calcio.

 

CESCOT Confesercenti Toscana Nord, di concerto con il Corpo Guardie di Città, già fornitore ufficiale dell’Ac Pisa 1909, dell’US Città di Pontedera, dell’ A.C. Tuttocuoio 1957 e della Carrarese Calcio 1908  per i servizi di sicurezza durante le partite casalinghe, ha promosso un nuovo corso per Ottobre che si terrà presso la sede principale di Pisa della Confesercenti Toscana Nord.

 

Il corso è strutturato in 20 ore di formazione teorica e 22 di tirocinio pratico allo stadio ed i requisiti per partecipare al corso steward sono : avere una età compresa tra i 18 e i 55 anni, possedere un diploma di istruzione secondaria, essere più alto di cm 165, avere la fedina penale pulita e conoscere gli elementi base della lingua inglese.

 

Ma cosa è uno steward ? E’ una persona che, nell’esercizio delle proprie funzioni, è a tutti gli effetti un pubblico ufficiale che però non sostituisce le Forze dell’Ordine ma ha il solo compito di aiutare il pubblico con l’accoglienza, l’instradamento ed il controllo degli spettatori fungendo da interfaccia tra la società di calcio ed il pubblico.

 

Lo Steward effettua, quindi, un servizio di sicurezza per tutti coloro che vogliono assistere all’evento sportivo, facendo rispettare i regolamenti ministeriali.

 

Donne, uomini, ragazze e ragazzi si sono già iscritti al primo corso, completate le iscrizioni già a fine maggio, ma tanti si stanno iscrivendo al secondo corso che sarà organizzato nel prossimo mese di luglio con docenti di primissimo livello, provenienti dalla Polizia di Stato, dai Carabinieri, ma anche da medici di primo livello e tecnici esperti del settore.

 

Come da indicazioni del Capo della Polizia, Prefetto Franco Gabrielli, visti gli ultimi avvenimenti di Manchester ma anche di Torino, in occasione di concerti o manifestazioni di piazza, coloro che arriveranno alla fine del percorso formativo e diventeranno steward, potranno essere impiegati non solo allo stadio, ma presso tutte le manifestazioni pubbliche in palazzetti, piazze, motodromi, autodromi, zone adibite a pubblici spettacoli, parchi e grandi aree per fiere, convegni, mostre, eventi, comizi, raduni, meeting, convegni, congressi, etc…

 

Una nuova importante occasione di lavoro per giovani e meno giovani che, attraverso una mirata formazione, assumono un ruolo delicato e necessario per la sicurezza degli stadi e non solo perché la figura professionale dello steward avrà sempre maggiore responsabilità e sarà sempre più richiesta per garantire un valido supporto all’operato delle Forze dell’Ordine nel garantire la sicurezza pubblica.

 

Chi è interessato, può contattare il centralino della Confesercenti Toscana Nord al numero di telefono 050/888080 e chiedere di parlare con il responsabile del CESCOT oppure può inviare una mail all’indirizzo cescot@confesercentitoscananord.it per avere le informazioni di cui necessita ed effettuare l’iscrizione al corso secondo le modalità che gli verranno indicate : superamento test attitudinali e requisiti di buona condotta e assenza di precedenti penali che accerterà la locale Questura di Pisa.

 

Sotto un video, tratto dal telegionale di 50CANALE del 26.02.2014, dove viene presentato il primo Corso Steward

GDC STEWARD dal 2013 al fianco dell' AC PISA 1909

L'Istituto di Vigilanza Privata Corpo Guardie di Città è l'unico Sponsor Storico del sodalizio neroazzurro AC PISA 1909, vicino da BEN 15 STAGIONI CONSECUTIVE, infatti dal 1 settembre 2003 , su invito del Presidente Maurizio Mian, il quale si è alternato alla presidenza con la madre Maria Gabriella Gentili fino al 2005, solo con un anno di interruzione ( Novembre 2015 - Dicembre 2016 gestione Fabrizio Lucchesi ) ed aumentando il sostegno economico ogni anno, è sempre stato vicino al Pisa per ben 15 anni ed oltre alla sponsorizzazione della squadra ha sempre sostenuto tutte le iniziative di marketing ( agende, libri, calendari, magliette, poster, etc... ) a dimostrazione dell'attaccamento ai colori nero e azzurro.

Ad oggi la S.r.l. Corpo Guardie di Città ha sempre aiutato le varie società che si sono succedute nella gestione della squadra di calcio della città di Pisa con importanti sponsorizzazioni e sostegni econimici/organizzativi per ogni evento legato alla squadra, alla storia del club, al Museo dell'Associazione Cento, alle iniziative editoriali della società neroazzurra e dell'Associazione Cento.

Corpo Guardie di Città è, quindi, l'unica azienda del territorio pisano che da BEN 15 STAGIONI consecutive sostiene il PISA per l'amore e la passione verso la squadra di calcio della città della torre pendente, per dare un concreto sostegno alla società che gestisce la squadra e per riportare e mantenere il PISA nelle categorie che merita ( serie B e/o serie A ).

Dalla stagione 2013/2014 il Corpo Guardie di Città - reparto GDC STEWARD - è diventato anche fornitore ufficiale dell'Ac Pisa 1909 per i servizi di sicurezza / stewarding allo stadio Arena Garibaldi Romeo Anconetani impegnando decine e decine di steward durante gli incontri casalinghi di campionato e coppa Italia ma anche per la partite amichevoli.

GDC STEWARD dal 2014 al fianco US CITTA' DI PONTEDERA e dal 2015 AC TUTTOCUOIO

Dalla stagione 2013/2014 il Corpo Guardie di Città è diventato Sponsor Istituzionale del U.S. Città di Pontedera e dal successivo campionato 2014/2015 è anche fornitore ufficiale per i servizi di sicurezza GDC STEWARD allo stadio Ettore Mannucci impiegando il personale steward durante gli incontri casalinghi di campionato Lega Pro, Coppa Italia TIM, Coppa Italia Lega Pro e amichevoli.

Dalla stagione 2015/2016 il Corpo Guardie di Città è diventato Sponsor Istituzionale anche dell' A.C. TUTTOCUOIO 1957 ed anche fornitore ufficiale per i servizi di sicurezza e stewarding GDC STEWARD allo stadio Ettore Mannucci dove impiega il personale steward durante gli incontri casalinghi di campionato Lega Pro, Coppa Italia TIM, Coppa Italia Lega Pro e amichevoli.

CONTATTACI PER DIVENTARE GDC STEWARD

Corpo Guardie di Città cerca personale STEWARD già formato con attestato o che ha intenzione di frequentare il corso per svolgere i servizi di STEWARDING negli stadi di PISA “Arena Garibaldi – Romeo Anconetani – ” e PONTEDERA “ Ettore Mannucci ”
Presenta il curriculum con foto solo se seriamente interessato/a e se in linea con i requisiti richiesti :
-    Fascia di età 20 – 50
-    Altezza minima : cm 170
-    Nessun precedente penale
-    Non è richiesta esperienza
-    Bella presenza e fisico atletico
-    Diploma scuola media superiore
-    Disponibilità a frequentare il corso steward
-    Serietà, educazione, spiccate attitudini al lavoro in team, professionalità e disponibilità a lavorare nei giorni feriali e festivi (prevalentemente durante il fine settimana) in orari diurni e/o serali.

INFO : 050/983421 – 050/983422 – 050/974087    

MAIL : info@corpoguardiedicitta.it

SITO WEB : www.corpoguardiedicitta.it e compilate il form per inviare il curriculum nell’area “ Lavora con noi – Invia la tua candidatura ”

8.8.14 Contrasto fenomeni di illegalità e violenza nelle manifestazioni sportive

CONSIGLIO DEI MINISTRI DELL’ 8 AGOSTO 2014 : nuove misure per la sicurezza negli stadi : più steward

Contrasto a fenomeni di illegalità e violenza nelle manifestazioni sportive – decreto legge
Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente, Matteo Renzi e del Ministro dell’Interno, Angelino Alfano e della Giustizia, Andrea Orlando, ha approvato un decreto legge contenente disposizioni urgenti in materia di contrasto a fenomeni di illegalità e violenza in occasione di manifestazioni sportive.

Manifestazioni sportive
Il testo è composto da un pacchetto di misure per rafforzare gli strumenti di contrasto dei fenomeni di illegalità e di violenza connessi allo svolgimento di competizioni sportive al fine di garantirne la regolarità. Queste misure si collocano nell’alveo di una organica strategia elaborata da un’apposita task force, attivata presso il Ministero dell’Interno, con la partecipazione delle altre rappresentanze istituzionali e associative del mondo sportivo, che si pone come obiettivo, tra le altre cose, di favorire l’accesso del pubblico alle manifestazioni sportive anche semplificando le procedure di acquisto dei titoli di ingresso e di perfezionare le misure di contrasto degli episodi di violenza e delle frodi in competizioni sportive.
Il decreto legge interviene quindi relativamente a quest’ultima direttrice di azione, potenziando gli strumenti di prevenzione e di contrasto dei fenomeni di illegalità connessi agli eventi sportivi tenuto anche conto delle criticità emerse nella stagione calcistica, originate da nuove azioni di turbativa dell’ordine e della sicurezza pubblica.
Ecco le principali novità:
· In materia di DASPO (il Divieto di accedere alle manifestazioni sportive) si prevede che possa essere applicato anche nei confronti dei soggetti che risultano condannati o denunciati non solo per i reati da stadio, ma anche per tutti i delitti contro l’ordine pubblico, nonché per i delitti di comune pericolo mediante violenza. Infine, vengono rivisti i termini di durata del DASPO, stabilendo che la durata minima di tale divieto è di tre anni, mentre il provvedimento inibitorio ha una durata da un minimo di cinque ad un massimo di otto anni per quei soggetti che sono già stati destinatari di una analoga misura;
· In tema di striscioni negli stadi potranno essere puniti con DASPO anche coloro che introducano negli impianti sportivi, non solo cartelli e striscioni, ma anche altre scritte o immagini che incitino alla violenza.
· Il divieto di trasferta può essere disposto, in caso di gravi episodi di violenza, dal Ministro dell’Interno, attraverso la chiusura del settore ospiti degli impianti sportivi in cui si svolgono gli incontri di calcio individuati in relazione al pericolo di turbativa dell’ordine pubblico.
· L’arresto in flagranza differita può essere applicato anche nei confronti del reato di istigazione alla discriminazione razziale, etnica e religiosa.
· Vengono semplificate le procedure amministrative di rilascio dei titoli abilitativi necessari per l’esecuzione di interventi che sono finalizzati ad implementare negli impianti sportivi standard di sicurezza più elevati, in attuazione anche delle indicazioni emanate dagli organismi sportivi, pure di livello internazionale.

 

Semplificazione nella vendita dei biglietti, con la possibilità dell'acquisto on line, tramite smartphone o "last second" e ai tifosi ospiti anche il giorno della partita. Sviluppo della fidelizzazione con varie agevolazioni. Più controllo sugli steward, con una formazione ad hoc e meccanismi premiali per valorizzare la responsabilizzazione. Negli stadi settori più piccoli per aumentare la sicurezza (massimo 10.000 posti a settore) e riqualificazione degli impianti in termini di comfort con progetti di abbattimento delle barriere in tutti i settori. Dialogo costante e "certificato" con i tifosi con la nuova figura del Supporter Liaison Officer (SLO), il rappresentante per le relazioni con i tifosi. Contrasto al razzismo e lotta alla contraffazione. Sono le principali novità previste nel pacchetto di misure elaborato dalla task force del Ministero dell'Interno per la sicurezza delle manifestazioni sportive, regole che si applicheranno a titolo sperimentale dall'inizio della prossima stagione 2014/2015 a tutte le società sportive calcistiche delle serie A, B e Lega Pro e alle competizioni ufficiali organizzate dalla Figc.

Il pacchetto è stato presentato lunedì a Roma ed entra in vigore con la firma - sempre lunedì - di un'apposita direttiva da parte del ministro dell'Interno Angelino Alfano alle Prefetture e alle Questure per rendere operative le decisioni della task force.

EASY TICKETING - Vendita on line anche con il sistema dell'home ticketing, con la possibilità di caricare il titolo sui supporti elettronici rilasciati dalle società sportive ai propri tifosi, comprese applicazioni su smartphone - fidelity app - fidelity card. Garantire l'apertura e l'adeguata pubblicità di punti vendita dedicati all'acquisto "last second". Tagliandi riservati agli ospiti che possono essere posti in vendita anche il giorno della partita.

INIZIATIVE DI FIDELIZZAZIONE - Prelazione di acquisto riservata ai tifosi fidelizzati, possibilità per i tifosi fidelizzati di acquistare fino a un massimo di due tagliandi per tifosi non fidelizzati o abbonati ("invita due amici allo stadio"), possibilità di acquisto a prezzo ridotto di tagliandi per un nucleo familiare ("family pass"), under 14 accompagnati da un adulto con prezzo ridotto e over 60 con prezzo ridotto, pacchetti promozionali rivolti agli stranieri.

PIU' CONTROLLO SUGLI STEWARD - Più controllo sulle attività delle strutture di formazione degli steward per garantire la qualità del servizio: si introdurranno anche "meccanismi premiali" per valorizzare il coinvolgimento professionale e la responsabilizzazione.

NEGLI STADI SETTORI PIÙ PICCOLI PER AUMENTARE LA SICUREZZA - Negli stadi di calcio delle serie professionistiche settori più piccoli per aumentare la sicurezza: i settori, che non potranno superare la capienza di 10.000 spettatori, potranno essere suddivisi in più sotto-settori con separazioni realizzate anche mediante la rimozione delle sedute e la realizzazione di aree contrassegnate in giallo dove vige il divieto di stazionamento per i tifosi. Alla suddivisione dei settori in più sotto-settori deve corrispondere una revisione del piano di afflusso e deflusso.

RIQUALIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI IN TERMINI DI COMFORT - ogni società sportiva, già in occasione dell'avvio della campagna abbonamenti, deve predisporre e pubblicizzare il proprio "progetto di comfort", tenendo conto dell'esigenza di eliminare strutture potenzialmente pericolose per l'incolumità degli spettatori o limitanti la corretta visione della gara (come pareti, reti, offendicoli, fili spinati), con particolare riferimento alla riqualificazione dei settori ospiti ed alla rimozione delle recinzioni attualmente presenti nei settori medesimi. Inoltre ogni società sportiva dovrà promuovere progetti di abbattimento delle barriere in tutti i settori dello stadio o in parti di esso. Progetti che possono riguardare anche i settori ospiti.

DIALOGO CON I TIFOSI: NASCE IL SUPPORTER LIAISON OFFICER - Ogni società sportiva deve nominare un proprio rappresentante per le relazioni con i tifosi chiamato Supporter Liaison Officer (SLO), una figura che deve essere scelta tenendo conto di attitudini personali idonee ad intrattenere rapporti costanti e costruttivi con i tifosi e che sarà formato con appositi corsi. Ogni società sportiva deve prevedere sul proprio sito web una specifica sezione dedicata allo SLO.

CONTRASTO AL RAZZISMO - implementare la raccolta e l'analisi dei dati statistici concernenti gli episodi di discriminazione, con particolare riguardo a quella razziale e territoriale. L'Osservatorio per le Manifestazioni Sportive metterà a punto un piano che deve prevedere, tra l'altro, la realizzazione di campagne di sensibilizzazione anche attraverso il coinvolgimento di società e tifoserie per mostrare come le diversità nello sport siano un "valore aggiunto"; workshop sull'antidiscriminazione da includere nelle attività delle scuole di calcio e dei settori giovanili dei club; campagne di comunicazione; percorsi di legalità nelle scuole con il coinvolgimento di atleti quali testimonial; premi alle tifoserie che si sono rese promotrici di iniziative positive.

LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE - l'Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive definirà un progetto di prevenzione finalizzato a contrastare il fenomeno della contraffazione dei marchi; garantire il regolare svolgimento della vendita ambulante, contrastando fenomeni di abusivismo; evitare che le modalità di esercizio delle attività commerciali costituiscano un impedimento sotto il profilo dell'ordine e della sicurezza pubblica; tutelare le manifestazioni sportive dalle pratiche di "ambush marketing".

INIZIATIVE A CARATTERE EDUCATIVO - Prima dell'inizio della stagione calcistica 2014/2015, l'Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive organizzerà, in collaborazione con il CONI, un evento nazionale con il coinvolgimento delle scuole sui temi della legalità, della sana partecipazione agli eventi sportivi e del valore dei comportamenti positivi di atleti, calciatori ed addetti ai lavori. In questa occasione sarà presentato anche un "codice etico" contenente principi ai quali ispirare il comportamento di allenatori, calciatori e addetti ai lavori, da diffondere a cura delle Leghe tra le società sportive, anche enfatizzando il ruolo dei "team manager".